Home / News / Doka e l’efficienza digitale

Doka e l’efficienza digitale

Doka e l’efficienza digitale

Sono numerosi i nuovi strumenti che Doka propone al mercato dell’edilizia per rendere più efficienti i processi di progettazione delle casserature, il loro montaggio e getto sul cantiere. Tutti sono inquadrati nel progetto Upbeat, già presentato all’ultimo Bauma di Monaco, e che ora sono effettivamente disponibili per le imprese che vogliano entrare nel mondo della Lean Construction.

Ma quali sono, nel dettaglio, questi nuovi applicativi? I nuovi servizi sono stati messi a punto per aiutare progettisti e imprese in ogni fase del processo costruttivo, dalla progettazione (progettazione delle casseforme con integrazione BIM, generazione lista materiali) all’approvvigionamento e alla gestione del materiale in cantiere (con il già apprezzato mydoka e il Doka online shop) fino alla realizzazione del manufatto finale (Concremote per la valutazione in tempo reale della maturazione del calcestruzzo); ci sono poi prodotti effettivamente molto avanzati come le e app di realtà aumentata e quelle per l’assistenza da remoto in cantiere, che si affiancano a strumenti già comuni sul mercato (che tuttavia hanno il pregio di aver completamente soppiantato gli strumenti tradizionali più ingombranti e ferraginosi) come i manuali digitali.

Anche Doka quindi, con la nuova gamma di servizi Upbeat, si propone di percorrere la strada, già intrapresa dalle aziende più visionarie, di confermarsi non più come un ‘semplice fornitore di materiali e tecnologie’, ma come partner in grado di erogare servizi e aiutare tutti gli attori della filiera a diventare più competitivi. Un salto in avanti importante che il mercato, sempre affamato di soluzioni che ‘semplifichino la vita’ a imprese e progettisti, non potrà che apprezzare.

Correlati

Sul cantiere di Trieste, dove Ce.R.V.E.T. sta realizzando, con attrezzature provvisionali Doka, un nuovo centro residenziale

I sistemi forniti da Doka per la realizzazione della nuova sede San Pellegrino sotto la direzione artistica di Giulio Rigoni, Project Architect dello studio BIG

News correlate