Home / News / Vincono i sistemi di propulsione Scania

Vincono i sistemi di propulsione Scania

Vincono i sistemi di propulsione Scania

Il prestigioso premio tedesco 'Green Truck', negli anni è diventato un vero e proprio campionato mondiale di efficienza nell’ambito del trasporto lungo raggio, e Scania lo ha vinto anche ques'anno, per la quinta volta.

“Le parole che mi vengono in mente sono: successo totale e valore per il cliente”, ha evidenziato Stefan Dorski, Senior Vice President e Head of Scania Trucks".

“Vincere questo test per cinque anni di fila è un'impresa impossibile, eppure ce l'abbiamo fatta. A mio avviso questa è un’ulteriore testimonianza di come gli innovativi sistemi di propulsione Scania rappresentino un elemento fondamentale che consente ai nostri clienti di raggiungere la migliore economia operativa totale”.

Il “Green Truck” è organizzato dalle riviste di settore tedesche “Trucker” e “Verkehrs Rundschau.

Il test del 2021 non è stato meno impegnativo di quelli effettuati negli anni precedenti. Gli organizzatori hanno stabilito un peso complessivo di 32 tonnellate e una potenza massima di 430 CV per i mezzi in gara, che hanno percorso il tragitto-prova di 360 km a nord di Monaco.

Per questa edizione Scania ha partecipato con un veicolo R410 che è riuscito a ottenere un risultato incredibile nel test, sbaragliando la concorrenza: il consumo medio del mezzo è stato misurato in 23,53 litri per 100 km (4,25 km/l) inoltre il trattore Scania ha raggiunto la velocità media più alta, raggiungendo 80,60 km/h.

Non è un'impresa da poco in quanto alcuni tratti del circuito di prova sono piuttosto impegnativi.

Il test è monitorato rigorosamente e si svolge su strade pubbliche con un mix tra autostrade e strade secondarie.

“Essere in grado di offrire i mezzi più efficienti non è solo parte del DNA Scania ma qualcosa in più, che richiede un impegno costante da parte nostra. È qualcosa di estremamente importante che ci consente di contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici e, al tempo stesso, di raggiungere i Science Based Target fissati”, ha evidenziato Dorski. “Anche se l'elettrificazione è in arrivo, abbiamo la necessità di avere a disposizione motori a combustione interna maggiormente efficienti, così da poter raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi, ai quali Scania ha aderito”.

Correlati

Presso la cava Inerti Pederzona, abbiamo intervistato Ruffilli, orgoglioso proprietario di uno stupendo XT R500

Intervista esclusiva a Franco Fenoglio, presidente e amministratore delegato Italscania

Consegnato uno Scania XT R650 V8 con vasca Andreoli alla Frantumazione Porfidi 2000

News correlate