Home / News / Caterpillar progetta autocarri autonomi a emissioni zero

Caterpillar progetta autocarri autonomi a emissioni zero

Caterpillar progetta autocarri autonomi a emissioni zero

Rio Tinto e Caterpillar hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per lo sviluppo da parte di Caterpillar di dumper rigidi autonomi a emissioni zero da utilizzare in una delle attività minerarie di Rio Tinto nell'Australia occidentale.

La collaborazione vedrà Rio Tinto lavorare con Caterpillar per far progredire lo sviluppo del futuro dumper rigido autonomo a emissioni zero 793 da 220 tonnellate del produttore, inclusa la convalida della tecnologia emergente a emissioni zero di Caterpillar.

Rio Tinto e Caterpillar porteranno avanti una serie di traguardi di sviluppo per includere un programma pilota del prototipo 793, test e prove di pre-produzione.

Si prevede che il primo dispiegamento operativo al mondo di circa 35 nuovi camion autonomi Caterpillar 793 a emissioni zero sarà a Gudai-Darri una volta completato lo sviluppo; la miniera di minerale di ferro tecnicamente più avanzata di Rio Tinto, nel Pilbara, nell'Australia occidentale.

Alf Barrios, Chief Commercial Officer di Rio Tinto, ha dichiarato: “La nostra ambizione di raggiungere emissioni nette pari a zero in tutte le nostre operazioni è una priorità. Raggiungere questa ambizione richiederà soluzioni e partnership nuove e innovative con partner fornitori come Caterpillar. Questa collaborazione rappresenta un piccolo ma importante passo in quel viaggio. Non vediamo l'ora di lavorare insieme per convalidare questi camion da trasporto a emissioni zero tra pochi anni. La tecnologia avanzata di Gudai-Darri la pone in prima linea nelle nuove operazioni minerarie a livello globale e non vediamo l'ora di aggiungere al sito autocarri Caterpillar a emissioni zero".

Denise Johnson, presidente del gruppo Caterpillar, ha dichiarato: "L'integrazione dell'autonomia con una flotta a emissioni zero dimostra l'impegno di Rio Tinto a raggiungere le emissioni nette zero. Sfruttando queste tecnologie nei propri siti, Rio Tinto può aumentare in modo più sicuro la produttività, l'efficienza ed essere più sostenibile. Siamo lieti di far parte del viaggio verso la sostenibilità di Rio Tinto e non vediamo l'ora di consolidare la nostra collaborazione di lunga data".

Rio Tinto sta valutando più ambiti di progetto per la fase 2 di Gudai-Darri come parte di uno studio di prefattibilità in corso da 44 milioni di dollari.

Correlati

Importante consegna a Adriastrade: CGT ha fornito 18 mezzi Caterpillar tra macchine compatte e stradali

Con CGT, abbiamo visitato il grande cantiere di Alta Velocità fra Brescia e Verona che Vezzola sta seguendo per il Consorzio Cepav Due a Lonato

News correlate