Home / News / JLG: piattaforme aeree da città

JLG: piattaforme aeree da città

JLG: piattaforme aeree da città

Come per le auto, anche per le macchine da cantiere, le nuove normative antinquinamento in vigore e ancor più quelle che verranno approvate in futuro sono destinate a richiedere la riduzione dell'impatto ambientale per i mezzi al lavoro negli ambienti urbani.

Proprio per anticipare questa dinamica, ormai diventata ineludibile, JLG sta organizzando la propria offerta di prodotto per essere in grado di garantire ai propri clienti una gamma adeguata, con macchine a impatto ridotto o addirituttura non inquinanti.

Sono tre le tecnologie scelte: elettrica, ibrida e diesel (solo però con motorizzazioni Stage IV e, tra breve, Stage V).

La tecnologia elettrica, ad impatto 0 in fatto di emissioni, è già disponibile sui comuni macchinari di accesso, quali sollevatori a pantografo, sollevatori a braccio, sollevatori a colonna e commissionatori, tutti utilizzabili all’aperto e al chiuso su altezze che vanno dai 3.5 ai 20 metri.

Quella ibrida (motore elettrico e motore termico) è stata scelta da JLG per i sollevatori a braccio e le piattaforme cingolate compatte, che possono lavorare anche con motore elettrico a ioni di litio, ma che possono anche essere collegate semplicemente alla normale rete elettrica.

Le piattaforme alimentate a diesel, infine: i moderni propulsori (Stage IV) garantiscono un'emissione di inquinanti estremamente più limitata delle vecchie versioni, rendendole adatte, in esterno, all'impiego nei cantieri urbani.

Correlati

News correlate