Home / News / Motori Genie Stage V 'operator-friendly'

Motori Genie Stage V 'operator-friendly'

Motori Genie Stage V 'operator-friendly'

Quando gli standard dei motori Stage V sono entrati in vigore il 1° gennaio 2019 hanno avuto un impatto sulla maggior parte delle macchine Genie alimentate da motori di potenza superiore a 19 Kw (25 Hp), inclusi i sollevatori telescopici GTH, le piattaforme a braccio S e Z e le piattaforme a forbice per terreni fuoristrada GS.

Le normative sulle emissioni dello Stage V rispondono alla crescente esigenza in Europa di motori fuoristrada più ecologici, con una combustione più pulita che emetta meno particolato e inquinamento nell’ambiente
, con un funzionamento più silenzioso e meno vibrazioni. In qualità di produttore di macchine originali (OEM), l'ultima data di implementazione di Genie per conformarsi ai nuovi standard era il 1° luglio 2020.

Tuttavia, a causa della situazione COVID-19, questa data è stata prorogata dal Comitato europeo di un anno supplementare. Pertanto la nuova scadenza per la distribuzione completa delle macchine Stage V è ora il 1° gennaio 2022.

Genie ha già iniziato a produrre macchine con motori Stage V per consentire ai clienti di adeguarsi il più presto possibile alle severe normative sulle emissioni. Tuttavia, nella regione dell'EMEAR, i requisiti ambientali sono diversi a seconda del paese e Genie intende ovviamente adattarsi alle varie condizioni locali

Per i clienti che non desiderano o non devono ancora aggiornare la loro flotta, Genie offrirà, fino ad esaurimento delle scorte, una doppia fornitura di motori.

Da non dimenticare che Genie sta ancora fornendo macchine con motori Stage IIIA per la regione del Medio Oriente e per alcuni Paesi africani, dove questi nuovi standard di emissione non sono applicabili.

I nuovi sollevatori telescopici Genie GTH sono equipaggiati con un motore diesel Stage V a 4 cilindri turbo da 2,9 L. In esclusiva per la soluzione Genie Stage V, questi motori sono caratterizzati da una tecnologia innovativa e "operator-friendly" che salvaguarda il motore e i suoi componenti, oltre a semplificare le operazioni di manutenzione, senza alcun compromesso per la potenza, le prestazioni o la produttività della macchina.

Questi motori sono anche progettati per funzionare in modo più silenzioso, riducendo la reale emissione totale di rumore del motore e presentando un timbro più morbido.  Per raggiungere il risultato, i motori Stage V ora includono i filtri antiparticolato diesel (DPF), un componente che richiede una pulizia occasionale attraverso un processo chiamato rigenerazione.  La rigenerazione passiva avviene automaticamente quando le temperature del motore sono elevate e i livelli di fuliggine nel filtro sono aumentati.

Durante questo processo, l'operatore può notare solo un regime di rotazione del motore leggermente più alto, ma nessuna notevole diminuzione delle prestazioni.


Correlati

News correlate