Home / News / Da Atlas Copco la torre faro alimentata a batteria

Da Atlas Copco la torre faro alimentata a batteria

Da Atlas Copco la torre faro alimentata a batteria

Nessuna emissione in atmosfera, zero rumore e un'autonomia di 32 ore. Atlas Copco presenta la sua torre faro HiLight Z3+, una soluzione perfetta per contesti difficili come i cantieri in zone ad alta densità abitativa, vicini a ospedali o scuole e in generale dove le emissioni sia sonore sia inquinanti debbano essere azzerate.

La nuova torre faro HiLight Z3+, oltre ai vantaggi dal punto di vista ambientale è particolarmente compatta (1160x1160x2500 mm) anche in considerazione delle aree che riesce a illuminare (ben 3.000 metri quadri).

Il tutto grazie a un ottimo lavoro di ingegnerizzazione che utilizza per l'alimentazione a batterie agli ioni di litio, molto più performanti di quelle tradizionali al piombo-acido o al gel (parliamo del 20% in più di profondità di carica e di una durata di 6.000 cicli, sei volte di più rispetto alle altre batterie).

La grande superficie illuminante è garantita da quattro lampade a led da 160 W ciascuna  (montate su una struttura che estesa completamente arriva a otto metri di altezza) che assicurano una vita utile di 50.000 ore (giusto per capirsi più dii cinque anni e mezzo di illuminazione continuativa).

Nonostante sia a batteria, la torre faro HiLight Z3+ di Atlas Copco funziona in un range di temperature compreso fra i -20 °C e i +50 °C; robustezza assicurata anche dalla cofanatura in acciaio galvanizzato, con verniciatura a polvere.

Buona anche la trasportabilità, dato che su un singolo camion da 13 metri di lunghezza se ne possono caricare ben 22.

Correlati

Abbiamo intervistato Fabio Guarino di Endiasfalti, sul cantiere della Firenze-Siena

News correlate