Mecalac fra i primi della classe a Bauma 2019

Ai francesi, in terra tedesca (come a noi italiani per la verità) è sempre richiesto di fare qualcosa di più rispetto agli “autoctoni” per essere apprezzati; a maggior ragione questo assunto è vero nel settore della meccanizzazione del cantiere e ancor di più nella fiera più importante al mondo, Bauma (evento teutonico per eccellenza).

Per questo i transalpini di Mecalac hanno preparato, per l’edizione 2019 di Bauma, un paio di notevoli sorprese, senza dimenticare un robusto numero di macchine a rappresentare la propria produzione che, negli ultimi anni, ha visto ampliarsi notevolmente il ventaglio tipologico (sia con nuovi prodotti sia con l’acquisizione di stabilimenti di altri produttori).

Il risultato (essere apprezzati in terra tedesca) è stato ampiamente raggiunto, dato che una delle nuove macchine presentate in anteprima è stata inserita nell’ambitissima lista dei finalisti dell’Innovation Award di Bauma.

Vediamo assieme quali sono le novità e quali le macchine che Mecalac porterà a Bauma 2019.

Tutte le novità e le macchine che Mecalac porterà a Bauma 2019

Piccola di casa


A Bauma 2019 vedremo debuttare la più piccola nella gamma delle pale gommate swing di Mecalac; verrà, infatti, presentata la nuova AS500, mezzo molto compatto, con peso operativo di 4,2 tonnellate (benna da 0,5 metri cubi) e  potenza erogata dal motore Deutz Stage V da 30 kW.

Al di là dei freddi dati, quello che interessa sulla AS500 è il concetto stesso di pala gommata swing, concetto che Mecalac ha portato a vette di perfezionismo assoluto. Parliamo di macchine con telaio rigido, a quattro ruote sterzanti e, attenzione, braccio anteriore di caricamento che può ruotare di 180°.

La nuova pala gommata swing AS500 di Mecalac amplia verso il basso la gamma del produttore francese
Si stravolgono in questo modo tutti i principi classici del caricamento, con notevole vantaggio dal punto di vista della versatilità operativa e della produttività. I cicli ad Y diventano un retaggio del passato, dato che le pale swing si spostano molto meno, affidando il carico alla rotazione del braccio anteriore.

Un esempio pratico? La AS500 può affiancarsi lateralmente al camion e caricarlo senza spostarsi; una dote apprezzabilissima quando si lavori in condizioni di restringimento della carreggiata stradale (l’AS500 riesce a lavorare, camion compreso, su larghezze di 5 metri, quando a una pala classica della stessa classe nel servono 10).

Generosissima (anche in considerazione della classe della macchina) la cabina, accessibile da entrambi i lati, con tetto panoramico e retrovisori davvero molto grandi (e ripiegabili, non dimentichiamoci che la AS500 dà il meglio di sé nello stretto).

Ergonomia regina


Non abbiamo mai avuto nessun dubbio; siamo stati sempre certi che l’acquisizione dello stabilimento di Coventry da Terex sarebbe stato solo l’inizio di una rivoluzione di prodotto. Con questa mossa Mecalac ha aperto non una, ma ben tre nuove gamme di prodotto (terne, dumper e rulli) e da subito si è dedicata a riprogettarle in “stile Annecy-le-Vieux”.

L’anticonformismo della Casa francese è è già visto sui dumper e sulle terne e ora, a Bauma 2019, si conferma con il nuovo rullo compattatore vibrante tandem TV1200. Il nuovo nato, che si inserisce in una gamma di sei modelli, è stato completamente ripensato, con estrema attenzione all’ergonomia.
Novità assoluta a Bauma 2019, il rullo vibrante tandem Mecalac TV1200

Il risultato più evidente (ma non certo l’unico) di questo lavoro? Scompare il piantone dello sterzo, con vantaggi notevoli in fatto di semplicità di salita e comfort di guida. Il rullo si guida ora solo con un joystick, collocato sulla consolle di destra (ottima la posizione schiena/braccio), che lascia tantissimo spazio per le gambe, affidando molto meno l’operatore che ha una visibilità decisamente migliore sul cantiere.

Il nuovo rullo compattatore Mecalac TV1200 con il suo nuovo design è finalista ai Bauma Innovation Award 2019
Da segnalare che il rullo TV1200 di Mecalac si guida solo con il joystick collocato sulla consolle di destra
A proposito di visibilità: i progettisti Mecalac hanno ripensato le geometrie dell’intero rullo, proprio per garantire all’operatore una visione completa senza “contorsionismi”.

Per chi fosse appassionato di dati tecnici: il TV1200 ha una massa operativa di 2.925 kg, una larghezza del tamburo di 1.200 mm (mentre la larghezza totale è di soli 1.270 mm) e una potenza disponibile di 18,5 kW. Il nuovo rullo di Mecalac garantisce una forza centrifuga di 24 (38) daN, una frequenza di vibrazione di 49 (63) hz e un carico lineare statico di 12,18 kg/cm.

Personalmente, anche con la nuova griglia anteriore (davvero molto Mecalac), il nuovo rullo ci convince tantissimo e non siamo i soli, dato che il TV1200 è stato scelto tra i finalisti dell’Innovation Award del Bauma. Un francese tra i finalisti in terra tedesca: già di per sé un piccolo miracolo.

Versatilità elettrica


Non è una novità assoluta, ma merita, e ci mancherebbe altro, una tappa al prossimo Bauma 2019; parliamo dell’escavatore gommato elettrico e12, presentato lo scorso anno in anteprima assoluta a Intermat, che Mecalac ha derivato dal suo apprezzatissimo 12 MTX.
Non è una novità, ma è comunque una rivoluzione: parliamo dell'escavatore gommato Mecalac e12 completamente elettrico
Il nuovo escavatore gommato è 100% elettrico ed è pensato per i cantieri urbani dove l'abbattimento delle emissioni (sia acustiche sia di gas combusti) sarà la principale sfida del futuro.
Numerose ovviamente le novità, come ad esempio le batterie LiFe PO4 –Litio Ferro Fosfato che garantiscono una durata tripla delle batterie classiche (fino a otto ore, in pratica un turno intero di lavoro), tra l'altro senza rischio di incendio o di perdita di liquidi.

Davvero 100% elettrico


Riportiamo il video di presentazione ufficiale dell'e12 di Mecalac
Peraltro, la e12 dispone di una cassetta elettrica che consente di ricaricarla sul posto in 6 - 7 ore. Capitolo autonomia di lavoro risolto dunque.

Ma Mecalac non si è fermata qui e si è concentrata sull'efficienza e sulla produttività, dotando il suo e12 di 2 motori elettrici che lavorano indipendentemente uno dall'altro (il primo segue la movimentazione dell'equipaggiamento, il secondo è dedicato alla traslazione). La potenza complessiva erogata è davvero importante dato che raggiunge i 146 kW/ora.
Presentato lo scorso anno a Intermat, il Mecalac e12 è la versione elettrica del 12 MTX
Molto interesse desta anche la trasmissione che è 100 % elettrica, con positivi impatti sulla velocità e sullo forze di trazione disponibili. I motori elettrici hanno poi un altro vantaggio non da poco: non hanno bisogno di manutenzione.

Un mondo di soluzioni fuori dal coro (anche a Bauma 2019)


Due anteprime assolute, di cui una nella short list del premio di Bauma; già così lo stand di Mecalac dovrebbe essere inserito tra gli appuntamenti imperdibili.

I francesi si presentano a Bauma 2019 con una gamma davvero completa della loro produzione (29 macchine), molte delle quali per le soluzioni tecnologiche innovative sono sicuramente da vedere.

Qualche esempio? sicuramente il midiescavatore cingolato 8 MCR, macchina  velocissima  che, come tutti i prodotti Mecalac, sfugge dalle normali classificazioni tecnologiche: la migliore definizione che ci viene in mente per descriverlo: una chimera fra un escavatore e una pala gommata.

Veloce, versatile e potente; l'escavatore cingolato 8 MCR di Mecalac è davvero un unicum sul mercato
Anche l'escavatore gommato 12 MTX stupisce: può funzionare come escavatore o come pala gommata
Una chimera molto ben riuscita, che ci piace molto e che ribadisce una serie di vantaggi: velocità (cingolato che arriva velocemente a 10 km/orari), capacità di sollevamento notevole a grande altezza (3 ton a 2,5 metri), stabilità davvero invidiabile in riferimento al tonnellaggio e alle prestazioni.

Altro? Certo, vi avevamo accennato dei dumper; Mecalac ha rivisto profondamente la gamma ex Terex e con i suoi 6 MDX e 9 MDX (che troverete entrambi a Bauma) ha fatto un bel salto in avanti. Qui l’innovazione è tutta nella cabina, davvero rivoluzionaria per questo tipo di macchine, con un concetto di ergonomia derivato da tonnellaggi ben superiori.

I dumper 6 MDX e 9 MDX sono il frutto dell'ottica attenta all'ergonomia di Mecalac che ha trasformato la gamma Terex
L'AS900 Tele ha un'altezza massima di sollevamento con forche di 4,72 metri e monta una benna da 1,2 m3
E poi ancora l’escavatore gommato 12 MTX (riduttivo chiamarlo escavatore gommato vista la versatilità che garantisce all’impresa) o la pala gommata con braccio telescopico AS 900 Tele o ancora la versione strada ferrovia dell 8 MCR (con suffisso RR).

Correlati

goWEM! è stato Special guest (unica testata italiana) ai due giorni di formazione Mecalac

News