Home / News / Il mercato dei macchinari in Italia recupera

Il mercato dei macchinari in Italia recupera

Il mercato dei macchinari in Italia recupera

Le vendite di macchine movimento terra in Italia hanno registrato una forte ripresa nel quarto trimestre del 2020, tale da stabilizzare il mercato, secondo l'associazione di categoria italiana Unacea.

I dati compilati da Unacea hanno mostrato un totale di 19.962 unità vendute nel 2020, che rappresentano un aumento dello 0,2% sulle vendite nel 2019, ma con un aumento del 13% nella crescita del quarto trimestre.


Le macchine per il movimento terra - di gran lunga l'elemento più importante del mercato - hanno visto vendite totali nel 2020 di 16.251 unità, senza variazione rispetto al 2019.

La tendenza più positiva è stata fatta riscontrare dalle macchine per la costruzione di strade, con vendite su base annua aumentate del 15% a 711 unità. Mirco Risi, presidente di Unacea, ha dichiarato: “Il mercato italiano delle macchine movimento terra ha potuto recuperare in modo dinamico lo stop imposto dal primo blocco di marzo. Il mercato ha dimostrato di poter svolgere un ruolo anticiclico per l'economia nel suo insieme, insieme a tutto il settore delle costruzioni.

Ora ci aspettiamo un processo certo e stabile di definizione del piano di ripresa e resilienza, al fine di far avanzare la resilienza nell'anno in corso ”. I risultati dell'indagine Unacea sono stati presentati in una conferenza stampa organizzata dal Centro Europa Richerche (CER).

Stefano Fantacone, direttore scientifico del CER, ha dichiarato all'evento: “Nonostante il clima generale di incertezza, il settore delle costruzioni, insieme a quello dei macchinari, sta beneficiando di un nuovo e utile trend di investimenti. Prevediamo che durerà nel 2021, quando si prevede che il PIL ricomincerà a crescere, a un ritmo che stimiamo intorno al 4%”.