Home / News / Mancano lavoratori qualificati da assumere

Mancano lavoratori qualificati da assumere

Mancano lavoratori qualificati da assumere

Nonostante l'ottimismo per questo 2020, molte aziende americane sono preoccupate per la loro capacità di trovare lavoratori qualificati da assumere.

Dai risultati dell'indagine rilasciati dagli Associati General Contractors of America and Sage Construction and Real Estate "Gli appaltatori sono molto ottimisti sulla domanda di costruzione nel 2020. Allo stesso tempo, molti dirigenti delle costruzioni sono preoccupati dalla carenza di manodopera e dagli impatti che tali carenze hanno sulle operazioni, sui programmi di formazione e sicurezza e sui profitti".

La percentuale di intervistati che si aspetta che un segmento di mercato si espanda supera la percentuale che si aspetta che si contragga per tutte le 13 categorie di progetti inclusi nel sondaggio.

La costruzione fognature ha ottenuto la lettura positiva netta più alta del 25%. Altri quattro segmenti hanno avuto un risultato netto netto del 20%: ponti e autostrade, scuole, costruzione di ospedali e trasporti (transito, ferrovia e aeroporto).

Cinque categorie avevano letture nette leggermente meno positive: l'edilizia residenziale multifamigliare (11%); costruzione manifatturiera (11%); edilizia pubblica (10%); costruzione di negozi, magazzini e alloggi (10%). Nel complesso, gli intervistati sono stati più ottimisti rispetto a un anno fa per quanto riguarda le categorie istituzionali e pubbliche, ma meno ottimisti riguardo ai segmenti del settore privato.

La maggior parte degli appaltatori prevede di aggiungere personale nel 2020 per stare al passo con la crescente domanda.

Il 75% delle aziende prevede di aumentare il personale quest'anno.

Tuttavia, poco più della metà delle aziende (52%) riferisce che i propri piani di espansione aumenteranno le dimensioni della propria impresa solo del 10% o meno.  La carenza di manodopera sta incidendo sui costi di costruzione e sugli schemi dei progetti, hanno osservato i funzionari dell'associazione.

Un totale del 44% degli intervistati afferma che le sfide relative al personale hanno spinto i costi più in alto del previsto.

In reazione, il 41% delle aziende sta introducendo prezzi più alti in nuove offerte e contratti. Allo stesso modo, il 40% riferisce che i progetti hanno impiegato più tempo del previsto e il 23% riferisce di aver allungato i tempi di completamento delle offerte o dei contratti.

Le imprese continuano ad aumentare la retribuzione e fornire bonus e benefici in risposta alla carenza di manodopera, con il 54% delle imprese che dichiara di aver aumentato i tassi di retribuzione base nel 2019 rispetto al 2018, mentre il 23% ha fornito incentivi e/o bonus.

Le imprese di costruzione stanno inoltre investendo maggiormente nei programmi di formazione per i lavoratori attuali e nuovi.