Home / News / Subappalto e Noleggio: l'ANAC spiega le differenze

Subappalto e Noleggio: l'ANAC spiega le differenze

Subappalto e Noleggio: l'ANAC spiega le differenze

Molto più spesso di quanto sarebbe lecito aspettarsi,  il noleggio (a freddo con montaggi importanti o a caldo) e subappalto sono stati confusi ed è capitato che qualche noleggiatore ricevesse richiesta di iscrizione a casse previdenziali particolari, obbligo di utilizzo di CCNL territoriali oppure subisse sanzioni.

Proprio per risolvere inutili diatribe Assodimi ha ritenuto importante fare un piccolo investimento per entrare nel merito della questione affidandosi ad un legale per richiedere un parere ufficiale all’ANAC.

Ecco la risposta dell'Autorità Nazionale Anticorruzione:

Il noleggio
Il noleggio è un servizio innovativo e non del tutto compreso nel panorama normativo italiano, quindi può accadereche avvengano errori di valutazione nella gestione di questo servizio in special modo all’interno di gare/bandi dove si deve far rispettare al massimo la trasparenza e la normativa di riferimento non semplicissima da utilizzare.

Spesso il Subappalto è frainteso con il noleggio a caldo oppure ai noleggiatori è chiesto di applicare particolari contratti ai propri dipendenti per poter operare all'interno di specificati cantieri o anche è stato chiesto di versare contributi in casse specifiche che magari esulano completamente dal settore noleggio.

Anac fa riferimento a parecchie sentenze che sono state emesse negli anni e si riferisce alla norma completa che gestisce gli appalti.

L’autorità prima di tutto ha cercato di dare una definizione al noleggio, indicando che ancora non esiste un riferimento nel nostro ordinamento (se non per il diritto della navigazione) indicando che il noleggio “sta avendo un notevole sviluppo per la convenienza degli imprenditori ad investire in macchine di cui non fanno uso continuativo”.

L’ANAC prosegue sottolineando 
  • il noleggio a freddo come la locazione del solo macchinario
  • il noleggio a caldo come la locazione del macchinario a la messa a disposizione di un dipendente con competenze specifiche.
Il noleggio a caldo prevede come prestazione principale la locazione del macchinario/attrezzatura e quindi è assimilabile alla figura contrattuale del noleggio a freddo a cui viene fornito un addetto all’utilizzo che non può avere ingerenza nell’attività produttiva.

Nel noleggio a freddo e a caldo il locatore non assume nessuna incidenza né oggettiva né soggettiva sull’esecuzione dei lavori e quindi il noleggio risulta un sub affidamento (rispettando le soglie tipiche del subappalto e svolgendo le comunicazioni adeguate).

Il noleggio come sub-affidamento è tenuto alla sola comunicazione alla stazione appaltante, nell’art. 105 è riportato che la qualificazione SOA, l’applicazione di un CCNL territoriale e di conseguenza l’adesione a casse specifiche vale per il subappalto (quindi non per i sub-affidamenti e quindi non per il noleggio a freddo o caldo).

Nell’ambito di questo progetto Assodimi oltre al  supporto a tutte le aziende sue associate per illustrare presso le sedi competenti la sostanziale differenza tra noleggio e sub-appalto e di conseguenza la distinzione delle richieste che dovranno essere poste al noleggiatore e le richieste errate è inoltre intenzionata a portare avanti la richiesta di far riconoscere il settore del noleggio nei tavoli competenti perché questo venga definitivamente riconosciuto come tale e possa avere riferimenti normativi chiari a cui fare riferimento.