Home / News / Mollo vince il premio di "Grande società di noleggio dell'anno"

Mollo vince il premio di "Grande società di noleggio dell'anno"

Mollo vince il premio di "Grande società di noleggio dell'anno"

Battendo la francese Loxam e la finlandese Rentaollo, Mollo Noleggio vince agli “European Rental Awards 2020” nella categoria "Grande società di noleggio dell'anno".

Organizzato da Era (European Rental Association) - associazione che raduna ben 4600 noleggiatori provenienti da tutta la CEE - e dalla rivista International Rental News, il premio è dato alle imprese di tutta Europa nel settore del noleggio.

Mauro Mollo, CEO di Mollo Noleggio, ricevendo i premio ha così dichiarato: “È un onore ricevere questo prestigioso premio, un grande riconoscimento all’impegno che tutta l’azienda ha dimostrato negli anni, puntando soprattutto sull’innovazione e lo sviluppo senza mai dimenticare il valore umano e il benessere di tutti i collaboratori e dipendenti”.

Un premio prestigioso nella categoria più importante, un risultato che premia una delle più solide e affermate aziende del settore a capitale totalmente italiano.

Il premio, infatti, assume ancora maggiormente valore se si considera il fatto che in un panorama quale quello delle società di noleggio in Italia che ha visto negli ultimi anni l'arrivo di diverse società straniere,

Mollo Noleggio, guidata dai titolari, i fratelli Mauro e Roberto Mollo, ha saputo distinguersi non solo come eccellenza ma per essere ancora oggi una società completamente italiana.

Le motivazioni della giuria, sottolineano il dinamismo dell'Azienda nei confronti della crescita e per gli investimenti effettuati per rendere più efficienti alcune aree della attività dal servizio clienti, alla formazione dei dipendenti, al sempre costante rinnovamento del proprio parco macchine.

"Per la nostra azienda, questo premio è di grande valore.” – conclude Mauro Mollo – “Ma conoscendo le nostre personalità e le nostre ambizioni, lavoreremo ancora più duramente affinché questo riconoscimento sia solo un punto di partenza e non un traguardo".