Home / News / Italcementi per il nuovo stadio dell'Atalanta

Italcementi per il nuovo stadio dell'Atalanta

Italcementi per il nuovo stadio dell'Atalanta

L'Atalanta ha firmato con Italcementi e Calcestruzzi un accordo per la fornitura di tutto il cemento e il calcestruzzo necessario ai lavori del nuovo stadio

La scelta del materiale non è affatto casuale: Calcestruzzi, la società del gruppo Italcementi che opera nel mercato del calcestruzzo preconfezionato, ha consentito  di avere un prodotto innovativo, sostenibile, di alta qualità e a Km Zero.

Il cemento e gli aggregati - proviene dal territorio bergamasco, serviranno per il parcheggio in Curva Sud, e anche l’Ecograin, sottoprodotto registrato e totalmente riciclato, proveniente dal ciclo di produzione della Tenaris di Dalmine, contribuirà da una parte alla sostenibilità del prodotto e dall’altra ad accrescere la resistenza e la durabilità della strutture.

Calcestruzzi fornire anche prodotti green della nuova gamma Eco Build, in grado di ridurre del 10% l’impatto ambientale della CO2 e di valorizzare del 300% materiali provenienti da altri cicli produttivi.

Ma parliamo di aspetti prettamente tecnici.
Verrà fornito per le opere interrate un calcestruzzo compatto e impermeabile con una particolare capacità di resistenza nel tempo.
Per la parte del parcheggio previsto nell’area della Curva Sud – si parla di lavori che inizieranno il prossimo anno - verrà studiata una particolare pavimentazione architettonica colorata che coniuga un’elevata resistenza a una rapidità nella messa in opera, tenuto conto dei tempi ristretti imposti dal calendario campionato di Serie A.

E per rispondere alla necessità di rapidità dei lavori – Italcementi ha cominciato nel 2010 a studiare questi materiali con un pool dedicato di ricercatori e più di 3.000 ore di ricerca nei laboratori di Bergamo, per lo sviluppo di soluzioni a base di cementi speciali che permettono di ottenere in breve tempo – 4,12 o 36 ore - prestazioni non raggiungibili con i calcestruzzi tradizionali.

Serviranno per l'intera struttura, 6.000 tonnellate di cemento e 18.000 metri cubi di calcestruzzo, prodotti messi a punto nei laboratori di i.lab, al Km Rosso.