Home / News / Autovictor protagonista del ripristino del ponte di Annone Brianza

Autovictor protagonista del ripristino del ponte di Annone Brianza

Autovictor protagonista del ripristino del ponte di Annone Brianza

La movimentazione ed il sollevamento per il ripristino del cavalcavia di Annone Brianza, lungo la SP49 sormontante la Milano-Lecco SS 36, è stata resa possibile dalle macchine di Autovictor.

Il nuovo ponte, intitolato a Claudio Bertini, vittima del crollo avvenuto tre anni fa, è composto da un'unica campata con soletta in calcestruzzo armato, che assicura una luce libera maggiore rispetto al ponte precedente.

La struttura sarà dotata di bilance, sensori e telecamere per monitorarlo e verificare il rispetto dei limiti di carico.

ANAS ha affidato ad Autovictor le operazioni di trasporto dal punto di costruzione al punto di varo e il relativo sollevamento della nuova travata metallica a sostituzione del ponte crollato.

Il nuovo impalcato, che ha un peso di circa 250 t, è stato movimentato utilizzando due carrelli SPMT Scheurle a 4 assi e due carrelli SPMT Scheurle a 6 assi con relative Power Pack Unit.

Oltre ai carrelli SPMT, Autovictor ha utilizzato tre autogrù: una Demag AC 300, una Terex Demag AC 500-2 e una Liebherr LTM 1750-9.1.

La struttura, di 44 m di lunghezza, è stata preassemblata a circa 200 m di distanza dal luogo della sua collocazione definitiva, poi spostata e movimentata con i carrelli SPMT.

Ruotata trasversalmente è stata sollevata dalle autogrù e fissata alle spalle di sostegno.

Per permettere lo svolgimento dei lavori in totale sicurezza la Statale 36, una delle più trafficate arterie dell'area tra Milano e la Valtellina, è stata completamente chiusa al traffico.

Gli uomini e le attrezzature di Autovictor non solo hanno dovuto rispettare tempi strettissimi e transitare con il manufatto in strade particolarmente strette, ma si sono trovati a fare i conti con la presenza di numerosi alberi lungo la carreggiata e hanno dovuto lavorare spesso con una pioggia battente.

Avversità che però non hanno minimamente rallentato i lavori, anzi la SS 36 è stata riaperta con qualche ora di anticipo rispetto ai tempi previsti.