Log In
Login
Password


Ricordami


Articoli correlati
16/04/2014 ! Una bestiolina mica male…
Arriva la nuova serie E dell’escavatore EC380 di Volvo CE, tanta potenza e un’occhio al risparmio
14/04/2014 ! Aequinoctium? Bene, bravo, bis!
Successo per l'incontro tecnico sul settore delle costruzioni promosso da goWEM!: si è parlato di fondi, prospettive e dinamiche di mercato
13/03/2014 ! Aequinoctium sta arrivando!
Il 21 marzo si incontrano le figure più rappresentative del segmento cantiere per parlare di prospettive 2014 e oltre
14/01/2014 ! Alla fiera del Nord(Africa)
Movimento terra e macchine, mercati che crescono? Appuntamento al prossimo maggio ad Algeri con il Batimatec
07/01/2014 ! Dolore cinese
Terzo trimestre 2013: i risultati di CNH, Doosan, Hyundai, Terex, Sany, Zoomlion nel settore della macchine per costruzione e cava


articoli
lunedì 29 settembre 2008

I tre moschettieri

La gamma di escavatori da cava Komatsu

Arrivando nella zona di Alonte, nel vicentino, si attraversa una quieta (e ricca) campagna ordinata e mai ci si aspetterebbe di trovare una cava di grandi dimensioni, attettamente coltivata (in concessione alla Cementeria di Monselice) che ospita tre tra i più grandi escavatori da produzione della gamma Komatsu (e almeno uno fra i più grandi in assoluto del mercato italiano). Komatsu ha infatti organizzato, in collaborazione con i titolari della cava (l'impresa Manfrinato), una presentazione per il pubblico e per la stampa di una serie di macchine da cava fra le più grandi. Oltre agli escavatori, si potevano ammirare pale gommate, frantoi e dumper (rigidi e articolati) tutti con il marchio della casa giapponese. Gli escavatori visti all'opera sono (in rigoroso ordine di potenza) il PC600-8, il PC800-8 e il grande PC1250-6 (quest'ultimo con 4000 ore di lavoro sulle spalle).

Viste sul campo: dati tecnici
PC1250-8
Komatsu
PC800-8
Komatsu
PC600-8
Komatsu

Il piccolo PC600-8

Piccolo si fa per dire: con una potenza netta di 320 kW (a 1800 giri) e un peso operativo ben oltre le 57 ton, il PC600 ha le carte in regola per ben farsi rispettare tra i titani della cava. Agile (proprio come Aramis), veloce nel ciclo, consuma davvero poco (per il lavoro che svolge ovviamente) grazie al sistema di iniezione HPCR Common rail e all'EGR di ricircolo dei gasi di scarico. Ovviamente il motore è conforme alle U Stage IIIA sulle emissioni. Anche la capacità della benna è di tutto rispetto: 3.5 m3 portati da braccio principale e avanbraccio rinforzati e assistiti da un impianto idraulico a connessioni a tenuta frontale per una maggiore affidabilità.

È Dartagnan senza dubbio

Il migliore fra pari. Il PC800-8 è senza dubbio la macchina che meglio sposa una serie di variabili operative, vitali per le cave italiane. 363 kW di potenza netta (a 1800 giri), un peso operativo di 78.4 ton e una capacità massima della benna di 6 m3 rendono l'escavatore di Casa Komatsu una macchina da produzione perfetta per il carico di dumper di media e medio-grande dimensione. Il PC800-8 ha un dispositivo antishock che riduce automaticamente gli urti e le vibrazioni del braccio principale. L'operatore sente meno la fatica e si incrementa la produttività. Decisamente toste le forze di scavo: la forza di strappo alla benna è di 36300 daN, quella all'avanbraccio 29800 daN. Due le modalità di lavoro: Power per cicli rapidi con produzione e potenza massime, Economy per buoni tempi di ciclo e risparmio di carburante. Ricordiamoci che non sempre lavorare a manetta però conviene: un buon operatore e un posizionamento sempre corretto di escavatore e dumper possono spesso fare la differenza!

C'è anche Porthos

502 kW di potenza netta a 1800 giri, un peso operativo di 106.5 ton che raggiunge le 110.9 con la benna frontale da 6.5 m3: sicuramente il PC1250-8 è il gigante fra i tre modelli presentati a Alonte. Tutto è rinforzato per garantire la massima affidabilità, inoltre un dispositivo antishock sul braccio principale riduce automaticamente gli urti e le vibrazioni prodotti dalla movimentazione. Interessante il circuito idraulico (con connessioni esclusivamente a tenuta frontale) efficacemente raffreddato e protetto dal sistema di filtraggio più completo attualmente disponibile, comprendente un filtro in mandata per ogni pompa principale. Le tubazioni del braccio principale scorrono all’interno della base del braccio per una maggiore durata e un livello di sicurezza superiore. Anche la cabina è degna di un gigante: spaziosa e confortevole, è montata su supporti antivibranti che riducono rumore e vibrazioni, è pressurizzata (niente polvere)e dotata di un sistema di monitor all'avanguardia (EMMS).

Tutto sotto controllo

Tutti i modelli di Alonte equipaggiano di serie il sistema EMMS (Equipment Management Monitoring System)un sistema di monitoraggio particolarmente evoluto che consente di verificare il livello dell’olio motore, la temperatura del liquido refrigerante, la carica delle batterie, l’intasamento del filtro aria, riscontrando eventuali anomalie e visualizzandole relative informazioni sul monitor a cristalli liquidi. L'EMMS interviene anche sulla manutenzione: il monitor fornisce informazioni sugli intervalli di sostituzione dei liquidi, degli oli e dei fi ltri, avvisa l’operatore quando è giunto il momento di provvedere alla sostituzione. Infine memorizza i guasti: ricorda le anomalie intervenute durante il funzionamento della macchina (codici errore) per garantire un’efficaceprocedura di ricerca guasti. In abbinata al sistema satellitare Komtrax significa avere il mezzo sempre e dovunque sottocontrollo.
Tag: Lavoro in cava - Escavatori cingolati - Komatsu


Multimedia
Galleria
29/09/2008
Galleria
29/09/2008
Video
27/10/2008
Video
01/11/2008
Komatsu
Komatsu - Spa

Azienda “full-liner”, Komatsu commercializza in Italia macchine Construction (macchine superiori alle 12 tonnellate: bulldozer, escavatori, pale gommate e dumper) e Utility (macchine inferiori alle 12 tonnellate: terne, midi escavatori, mini escavatori, skid steer loaders). Con 43 stabilimenti produttivi, 142 aziende e 44.000 dipendenti circa, il Gruppo Komatsu produce e distribuisce in tutto il mondo macchine movimento terra confermando e rafforzando di anno in anno la propria leadership tecnologica. In Italia, il Gruppo è presente con uno stabilimento produttivo (Komatsu Utility Europe Spa).