Due Storie che si incontrano


Testo di Silvano Lova


Per chi fra voi che vive e lavora in Lombardia non sarà difficile riconoscersi nella storia che vogliamo raccontarvi oggi; vi porteremo, infatti, almeno con le parole, in via della Repubblica, 15, a Melegnano.

I più attenti avranno certo già indovinato; vi vogliamo parlare, infatti, dell’ex Consorzio Agrario di Milano e Lodi, un luogo che in almeno in Lombardia (e direi anche in provincia di Piacenza) ha fatto la storia del movimento terra e del settore agricolo.

Qui sono passate davvero tante macchine e tante imprese hanno costruito il proprio parco, appoggiandosi alla forza del Consorzio che, dal 1902, era un presidio di innovazione dapprima per gli agricoltori e, poi, anche per il segmento di chi lavorava nel movimento terra.

E’ proprio qui che, negli anni ’30, fu fondata la prima officina meccanica di Lodi e sempre qui fu sviluppato per la prima volta il concetto di mangimistica in Italia.

Una Storia di innovazione, conclusasi nel 2013 con il Concordato preventivo liquidatorio, una conseguenza della crisi che ha investito il settore a partire dal 2009.

Una bella storia con una fine triste? Potrebbe sembrare così, ma come sapete a noi di goWEM! non piacciono le storie agrodolci; proprio per questo oggi siamo andati a Torino, per presentarvi il seguito di questa Storia: abbiamo intervistato, infatti, Paolo Orecchia, amministratore delegato di Iveco Orecchia e Mario Righi, direttore commerciale della divisione movimento terra.

Già, proprio loro sono i protagonisti del seguito della storia, come vedremo ora insieme (se avrete la pazienza di leggerci…)



Un futuro per una bella storia

Incontriamo Paolo Orecchia e Mario Righi nella loro sede (corredata da un’enorme officina e questo non è per niente un dettaglio) al CNH Industrial Village; qui, tra una pala gommata e un camion Iveco, tra una mietitrebbia New Holland e una galleria di camion storici da far venire l’acquolina in bocca, abbiamo appunto parlato del futuro dell’ex Consorzio Agrario di Lodi.

Abbiamo deciso di aprire a Melegnano un punto vendita dedicato al marchio Case perché lì si è fatta letteralmente la Storia del movimento terra a Milano e in Lombardia“ inizia così Mario Righi, direttore commerciale movimento terra di Iveco Orecchia che continua “la sede del Consorzio Agrario di Milano e Lodi è riconosciuta da tutti gli operatori del settore come il luogo fisico dove acquistare macchine, ma anche dove reperire ricambi e cercare assistenza tecnica e manutenzione”.

Dal nostro punto di vista, riaprire quella sede per collocarvi la nuova filiale Case, è la scelta corretta per raggiungere quanto prima un territorio, certo complesso da gestire, ma ricchissimo di opportunità. Basta dire quel nome e indicare quell’indirizzo e non serve quasi niente altro, è subito tutto chiaro negli imprenditori del settore”.

Non solo una tradizione, ma anche esigenze pratiche, come conferma Righi “nella sede di Melegnano tutto è strutturato per accogliere il movimento terra, gli spazi e le officine sono pensate per le esigenze di questo tipo di macchine; di conseguenza per noi che siamo nuovi per quel territorio, nonostante tutta la storia che come azienda abbiamo alle spalle (e che davvero pochi possono vantare), posizionarci in via della Repubblica, 15, a Melegnano significa dare un segnale forte: noi siamo venuti per restare, per dare continuità temporale alla nostra azione e per supportare con continuità le esigenze dei nostri clienti, quelli che già ci conoscono e quelli che vorranno darci la loro fiducia”.

"Dal punto di vista pratico, stabiliremo a Melegnano i nostri uffici commerciali, una struttura adibita ai ricambi a cui verrà naturalmente affiancata una importante presenza dedicata al service che sarà gestita dal nostro partner tecnico GP Service che lavorerà in qualità di officina autorizzata sulle garanzie e sulla nostra flotta noleggio, garantendo contemporaneamente anche tutta l’attività di riparazione delle macchine che i clienti vorranno affidarci”.

“Ho citato poi il noleggio; come azienda stiamo investendo moltissimo in questo ambito di attività, fondamentale oggi (e ancora più in futuro) nel settore del movimento terra. Anche la filiale di Melegnano potrà contare su una importante flotta a noleggio a disposizione dei clienti, clienti che soprattutto in Lombardia sono estremamente attenti a cogliere le opportunità che, appunto, il noleggio offre loro. Con il noleggio si può infatti avere le macchine più aggiornate investendo solo i capitali che servono; l’imprenditore sa bene quando conviene comprare e quando noleggiare (dipende in sostanza dall’intensità di uso della macchina e dal tempo in cui è necessaria) e noi siamo qui per fornirgli tutto il supporto necessario”.



Per fare una Storia ci vuole … un’altra Storia!

Terza generazione di imprenditori e stessa passione; sta tutta qui l’introduzione all’intervento di Paolo Orecchia, amministratore delegato di Iveco Orecchia. Il DNA è quello che traspare (come spesso capita agli imprenditori veri, quelli con la I maiuscola) quando racconta la storia dell’azienda che dirige: “Siamo partiti nel 1929, per volontà di mio nonno e di un suo amico che si chiamava Scavarda; la società nasce come AVA, ma rapidamente si afferma a Torino come Orecchia & Scavarda, commercializzando auto (i camion erano essenzialmente prodotti militari e, come tali, clienti diretti di Fiat)”.

Dopo la seconda guerra mondiale nasce e si sviluppa il settore del trasporto pesante che si affianca a quello dell’auto. A mio nonno, negli anni ’70 subentra mio padre e contestualmente con la nascita di Iveco si verifica un processo di concentrazione dei concessionari che da oltre 400 arrivano agli attuali 37. Questo processo ci porta a applicarci progressivamente sempre di più nel segmento dei veicoli industriali (negli anni ’90 cediamo il comparto auto); il segmento si sviluppa ulteriormente, nel 2006, con l’acquisizione del mandato bus per le quattro Regioni del Nord-Ovest, segmento che oggi vale una quota importante nel nostro fatturato”.

"Altro anno fondamentale il 2011, in cui succedono due cose, essenzialmente interconnesse; la costituzione di una joint venture paritetica con Iveco e l’idea di realizzare un importante centro dedicato all’intera famiglia di prodotti Fiat Industrial. Nasce cosi quello che è oggi il CNH Industrial Village, una casa per tutti i prodotti del gruppo e quindi anche del marchio delle costruzioni, allora New Holland, per il Piemonte e Valle d’Aosta. Qui, oltre a un bellissimo show room (è anche riduttivo chiamarlo così), c’è una filiale di Iveco Orecchia (la più importante dopo quella storica di Moncalieri), sede che comprende anche una grande e moderna officina dedicata al service”.

Nel movimento terra, il rapporto con New Holland viene sostituito poi con quello con Case Construction Equipment (marchio con tanta storia alle spalle, dato che è nato nel 1848) e si evolve: oltre al Piemonte e alla Valle d’Aosta, acquisiamo il mandato per la Lombardia Ovest (Milano compresa) e per la Provincia di Piacenza, in Emilia Romagna. Oggi posso dire che, in poco più di 5 anni, siamo riusciti a costruire una solida divisione di business che si affianca a quella dei camion e dei bus, una divisione che rispecchia il nostro DNA di imprenditori, da sempre particolarmente attenti alle esigenze del cliente. Non solo, Iveco Orecchia (e la famiglia Orecchia ancora di più, se si considera che siamo sul mercato da 88 anni senza soluzione di continuità) vuole essere garanzia di stabilità e continuità, caratteristiche che credo, oggi più che mai possono essere apprezzate dai nostri clienti”.

“Caratteristiche che porteremo anche nella nuova filiale di Melegnano, che ci consentirà ovviamente di essere più vicini, grazie a una posizione geografica particolarmente felice, ai nostri clienti, sia quelli che già ci conosco sia quelli che, dal 7 ottobre in poi, vorranno accordarci la loro fiducia e che mi auguro saranno numerosi. Come Amministratore di Iveco Orecchia sono sicuro che sapremo garantire loro la massima attenzione e tutti gli strumenti utili per avere successo nel loro, complesso, lavoro”.



Open house del 7 ottobre 2017: cosa ci sarà

Mario Righi ci spiega anche cosa i clienti potranno vedere in occasione dell’apertura della filiale: ”ll 7 ottobre accoglieremo i clienti ufficialmente in occasione dell’inaugurazione della nuova filiale e, ovviamente, oltre alla gamma Case (sia quella compatta sia quella core) esporremo anche macchine e attrezzature di aziende del settore con le quali abbiamo un'importante collaborazione commerciale. Chi verrà a trovarci potrà anche vedere in esposizione statica i bellissimi e innovativi sollevatori telescopici prodotti dalla Magni Telehandlers, le macchine stradali di Dynapac e le attrezzature da demolizione e riciclaggio di Mantovani Benne. Com’è evidente, in  Iveco Orecchia diamo molta importanza alla qualità dei prodotti che commercializziamo e, soprattutto, all’assistenza in fase postvendita e i nomi che ho citato credo lo dimostrino ampiamente”.

Oltre alle macchine in esposizione statica, gli imprenditori che accetteranno il nostro invito e verranno a Melegnano a trovarci, potranno anche provare sul campo numerose macchine Case, sia quelle compatte sia quelle sviluppate per il movimento terra classico. Sono convinto che il marchio del gruppo CNH dedicato al movimento terra sia davvero un prodotto all’avanguardia, in grado di dare belle sorprese a chi ancora non lo conosce e che vorrà approfittare dell’apertura della filiale per provarlo, assistito dai nostri dimostratori e dai nostri responsabili di prodotto per tutte le informazioni tecniche. Provare una macchina è il modo giusto per conoscerla e capirla e poi, per noi appassionati del movimento terra, è anche un momento di svago e relax”!

Chi verrà a Melegnano infine - conclude Righi - potrà anche vedere il marchio Astra, da sempre punto di riferimento nel cava cantiere pesante. Insomma, il 7 ottobre ci sarà da divertirsi, vogliamo che sia certo una festa, ma anche il punto di partenza di una storia che ci auguriamo sia lunga, densa di soddisfazioni e, soprattutto, costruita assieme ai nostri clienti”.



TAG: Iveco Orecchia | inaugurazione filiale Melegnano | Mario Righi | movimento terra