L'Hidromek HMK 300 NLC è uno fra i modelli di maggior successo del costruttore turco

Concreti si nasce: Hidromek a Samoter 2017


Testo di Costantino Radis


A Samoter 2017 sarà esposto anche l

A Samoter 2017 sarà esposto anche l'escavatore cingolato Hidromek HMK140 NLC che è disponibile anche con lama e braccio triplice in opzione

Una presenza gradita e attesa dagli operatori del settore. Un segno che molte cose stanno cambiando positivamente sul nostro mercato e che l'Italia torna ad essere un paese appetibile da parte di nuovi competitor nel segmento della meccanizzazione della cava e del cantiere.

Stiamo parlando di Hidromek che si presenta alla kermesse di Verona con uno stand in cui saranno presenti non soltanto i modelli più importanti della sua attuale produzione ma anche alcune anteprime di quello che sarà lo sviluppo futuro della gamma.

La stella dello stand "made in Turkey" sarà sicuramente la nuova pala gommata HMK 640 WL che, vista in anteprima nelle altre grandi fiere europee, è da oggi a disposizione dei clienti. Ventisei tonnellate di peso operativo per quattro metri e mezzo di benna con doppio cinematismo a Z. Motore MTU Mercedes da 238 kW di potenza e 1.600 Nm di coppia, Tier IV F con SCR-DOC e senza filtro antiparticolato. Oltre a una gestione elettronica che si basa sull'esperienza del costruttore con gli escavatori idraulici e un cambio automatico a cinque marce avanti e tre retromarce.

Il primo modello di una nuova gamma di pale gommate che avrà uno sviluppo decisamente interessante e che fa capire chiaramente quali sono gli obiettivi di Hidromek rispetto al mercato mondiale delle macchine movimento terra.



Escavatori in prima linea, ma non solo!

La presenza di Hidromek non può ovviamente prescindere dalla presenza degli escavatori idraulici Gen Series. Una gamma che attualmente spazia da quattordici a cinquantatre tonnellate, ma che prevede un sostanzioso ampliamento, sia in basso sia in alto, per il prossimo futuro.

Al Samoter 2017 Hidromek sarà presente con alcuni suoi cavalli di battaglia che coprono la fascia dalle quindici alle quaranta tonnellate. Si parte con l'HMK 140 LC che, equipaggiato con il motore Isuzu da 74 kW, ha un peso operativo di 14.500 kg. Disponibile con lama e braccio posizionatore opzionali, si caratterizza per un ingombro ridotto a fronte di una forza di strappo di 10.395 daN e una forza di penetrazione di 8.238 daN.

Il best seller HMK 220 NLC occupa la combattuta fascia di peso delle ventitre tonnellate ed è un escavatore apprezzato per i consumi ridotti grazie al motore Isuzu da 119 KW che, grazie al sistema elettronico di controllo Opera, comune a tutta la gamma Hidromek, lavora a quasi quattrocento giri al minuto in meno rispetto a pari macchine con lo stesso motore, mantenendo però una elevata produttività grazie allo sfruttamento completo della coppia a disposizione. Anche l'HMK 220 NLC è disponibile con lama e braccio posizionatore in opzione, aumentando la polivalenza e la capacità di lavorare in ogni tipo di spazio.

Due accompagnatori di valore per il più grande HMK 370 NLC che, con un peso operativo di quaranta tonnellate e una potenza di 195 kW dati da un sei cilindri Isuzu da quasi otto litri. La forza di strappo di 24.100 kgf e una forza di penetrazione di 23.635 daN consentono all'HMK 370 NLC di lavorare agevolmente sia nelle cave che nei grandi cantieri con produzioni elevate.

Ma, seguendo la sua migliore tradizione, sarà quasi certo trovare nello stand Hidromek qualche importante novità che ci farà capire quale sarà la strada che il costruttore turco seguirà nello sviluppo della sua gamma di escavatori.

La storia Hidromek è nata,però, come successo per molti altri costruttori, dalla trasformazione dei trattori agricoli in terne. E a Verona non poteva mancare la HMK 102B Alpha, uno dei modelli di maggiore successo del costruttore di Ankara e che fa parte della sua gamma di sei terne con pesi operativi da quattro a dieci tonnellate. La dotazione della HMK 102B Alpha spazia dal Lock-up automatico del convertitore di coppia, al Motion Stabilizer System che ammortizza il braccio nelle manovre di load & carry, alla completa gestione elettronica di motore, pompe e trasmissione, al doppio display anteriore e posteriore per facilitare il lavoro con la pala o con il retro.



Hidromek: un costruttore che sta diventando full-liner

La storia di Hidromek è cominciata nel 1978 ad Ankara per mano di Hasan Basri Bozkurt. Dalla trasformazione dei trattori a costruttore che punta ad essere full-liner, la Hidromek ha sempre seguito alcuni valori fondamentali. Un passo dopo l'altro. Una crescita continua che non ha conosciuto crisi e che, con estrema concretezza, è arrivata fino a qui dopo 39 anni di attività nella costruzione di macchine movimento terra.

La Hidromek è oggi uno dei costruttori che desta maggiore curiosità fra gli addetti ai lavori del settore per la qualità delle sue macchine e per le soluzioni tecniche adottate. Un costruttore a gestione famigliare dove oggi, insieme al fondatore, lavorano attivamente i due figli.

In un mercato competitivo e sempre più globalizzato la Hidromek si sta facendo spazio grazie ad alcuni valori fondamentali per ottenere la fiducia del mercato. Usare componenti di qualità riconosciuta, curare la qualità costruttiva, progettare e costruire strutture robuste, utilizzare tecnologie all'avanguardia che siano al servizio degli utilizzatori, avere un approccio umile e rispettoso del cliente per studiare e risolvere insieme nuove applicazioni, sostenere investimenti per una crescita continua e solida. Valori alla base della filosofia aziendale di Hidromek.

Una base solida che ha visto il costruttore turco crescere in modo costante fino ad arrivare, oggi, a una produzione di terne, motorgrader, pale gommate ed escavatori idraulici cingolati e gommati che avviene in cinque stabilimenti. Quattro in Turchia di cui tre ad Ankara e uno a Smirne. Uno in Thailandia acquisito insieme al ramo motorgrader di Mitsubishi.

Un ampliamento di offerta che vedrà Hidromek, nel prossimo futuro, presente con una gamma completa di pale gommate, con ulteriori nuovi modelli di escavatori idraulici e con l'ingresso nel mondo della compattazione pesante. Le unità produttive sono certificate ISO 9001 per i processi di qualità, ISO 18001 per la sicurezza e la salute dei lavoratori e ISO 14001 per il rispetto e la cura dell'ambiente.


Questa visione ha consentito al costruttore di ottenere prestigiosi riconoscimenti internazionali come ben due IF Good Design Award nel 2012 per i nuovi GEN Series Excavator e nel 2016 per il nuovo Hidromek Vision Compactor. Oltre a un Superior Design Award per le Maestro Series Backhoe Loader nel 2008, un Good Design Award 2010 e un Chicago Good Design Award nel 2011 sempre per gli escavatori. Senza contare l'ultimo Germany Design Award 2017 per il nuovo motorgrader HMK 600 MG.



Tutte le cinque unità produttive Hidromek sono certificate ISO 9001, ISO 14001 e ISO 18001

Tutte le cinque unità produttive Hidromek sono certificate ISO 9001, ISO 14001 e ISO 18001

Radici sempre più salde in Europa

Hidromek è presente in Europa con la filiale Hidromek West con sede a Barcellona e dove, oltre agli uffici, è presente un magazzino ricambi che rifornisce in 24 ore gli attuali 57 concessionari distribuiti fra Spagna, Portogallo, Francia e Italia.

Nel nostro paese la commercializzazione è cominciata in modo organizzato nel 2016 tramite due dealer con risultati più che soddisfacenti per l'azienda turca. Oggi lavorano due terne in Lombardia grazie a Forgione Macchine Movimento Terra e otto escavatori in Piemonte grazie alla Tematec Movimento Terra.

Una crescita concreta alla cui base ci sono macchine che si fanno apprezzare per economia di esercizio, produttività e capacità di far fronte a specifiche esigenze. Non è un caso se la gamma di escavatori Hidromek, in piena fase di espansione e rinnovamento, comprende anche modelli high-reach demolition, long-reach, material-handler e per gallerie.

Gli obiettivi del costruttore sono chiari e puntano ad avere una posizione di maggiore importanza nel mercato delle macchine movimento terra mondiale con una gamma che, passo dopo passo e in modo sostenibile, punta ad essere un vero full-liner.



TAG: Hidromek | novità Samoter 2017 | escavatori cingolati | movimento terra