Rompi e taglia


Atlas Copco

Testo di Redazione


Le nuove pinze Combi Cutter 7000 di Atlas Copco presentano un ulteriore passo avanti in termini di prestazioni. Progettate per macchine da 58 a 85 tonnellate si caratterizzano per una robustezza e durabilità, che ne consente l’impiego nei più duri interventi di demolizione. Il risultato è il frutto di un lavoro di ridesign del modello precedente, le pinze CC 6000, le quali già si facevano apprezzare per la capacità di rottura del materiale con un sola chiusura. Un vantaggio tradotto in risparmio di tempo, carburante, riduzione delle ore lavoro di macchina e operatore. Ossia costi.


Le CC 7000 sono uno strumento polivalente; le ganasce, infatti, sono facilmente intercambiabili nel caso di frantumazione del cemento (apertura 1400 mm e forza di schiacciamento di 180 t) o taglio dell’acciaio (apertura 750 mm e forza di taglio di 205 t). La soluzione progettuale a due cilindri permette di erogare una forza pressoché costante, mentre le valvole di velocità integrate abbreviano il tempo del ciclo di lavoro. Infine, se la rotazione idraulica di 360° consente il facile posizionamento, l’intercambiabilità di lame e denti, semplifica gli interventi di manutenzione.

TAG: Atlas Copco | pinze demolitrici | CC7000 | demolizione riciclaggio



leggi anche..