Su e giù per i canali


JCB

Testo di Simon Corbal


Il Consorzio della Bonifica Burana gestisce circa 250mila ettari nel territorio regionale emiliano, occupandosi in particolare della manutenzione necessaria a garantire la funzionalità del reticolo idraulico. Fondamentale per la salvaguardia contro i rischi idrogeologici nelle zone montuose e la regolare irrigazione nei territori collinari e in pianura.

Ciò comporta il costante dragaggio dei canali, la pulizia degli argini e il loro ripristino a causa di frane. Un territorio così ampio, il numero e la natura degli interventi, richiedono l’impiego di numerose macchine operatrici, alle quali si è recentemente aggiunto un escavatore gommato JCB Hydradig 110W. Il pluripremiato.

Consegnata a inizio anno, la macchina ha lavorato a pieno ritmo in questi mesi, facendosi apprezzare per le sue doti di versatilità, stabilità e mobilità in qualsiasi circostanza di terreno. Merito del baricentro particolarmente basso - dovuto all’assemblaggio di trasmissione e pompa idraulica nel telaio di base, anziché nella struttura superiore - della trasmissione idrostatica a variazione continua sulle quattro ruote e delle tre modalità di sterzatura, a 2 e 4 ruote sterzanti e a granchio.

TAG: JCB | Hydradig 110W | Consorzio Bonifica Burana | movimento terra



leggi anche..