I sotterranei di Parigi



Testo di Redazione


Non è il titolo di un romanzo d’appendice di fine 800, ma il più grande progetto urbano in Europa: il Metrò Grand Paris Express. 200 km linee automatiche – ovvero tanto quanti quelli dell’attuale metropolitana – e 68 nuove stazioni. Nel 2030, una volta finiti i lavori, le 4 nuove linee (15, 16, 17, 18) e le 11 e 14 prolungate, saranno connesse alla rete di trasporto esistente. Il Metrò Grand Paris Express renderà più semplice spostarsi all’interno dell’’Île-de-France senza passare per Parigi, la quale sarà rapidamente raggiugibile dalla periferia. Quindi, meno traffico e meno inquinamento.

Alla linea 15 lavora Spie Fondations, filiale del gruppo Spie Battignolles, impegnata per i prossimi due anni nella realizzazione delle fondazioni. Un amplissimo intervento per svolgere il quale l’azienda si è dotata di due escavatori cingolati a fune Sennebogen 6140HD. Un modello inedito, messo a punto grazie alla stretta collaborazione tra costruttore e cliente, nato per un uso intensivo e polivalente in un contesto urbano. La macchina, infatti, svolge lavori di sollevamento come di palificazione ed è dotata di accessori quali pinze e benne di vario tipo. La capacità nominale è di 140 ton a 5 metri, ma sono possibili differenti configurazioni a seconda dei contrappesi da 35 e 45 ton.

Per quanto riguarda l’alimentazione, il 6140HD è dotato di un motore V12 27l da 708 kW, che soddisfa sia le esigenze di sollevamento, sia la domanda di energia degli utensili idraulici, e poiché il lavoro si svolge in contesto urbano, risponde agli standard sulle emissioni Tier 4 Final.

TAG: Sennebogen | escavatore a fune 6140HD | Spie Fondations | Metrò Grand Paris Express



leggi anche..