Il nuovo dozer Liebherr PR 766 sbanca


Liebherr Emtec Italia

Testo di Redazione


Anche se molta della scena se l’è presa il dumper T236 da 100 ton, all’evento organizzato da Liebherr nella miniera di ferro di Erzberg in Austria, c’era anche lui: il nuovo dozer PR 766 Litronic. Questo modello – che succede all’ottimo PR 764 – ha un peso operativo tra 46,6 e 54,2 ton ed è spinto da un motore diesel a 8 cilindri a V da 310 kW (422 HP), conforme alle norme sulle emissioni Stage IV / Tier 4, senza ricorrere la filtro antiparticolato. Questo grazie al migliorato processo di combustione che riduce al minimo il particolato e al dispositivo di riduzione catalitica selettiva per l'abbattimento dei NOx nei gas di scarico.

Il PR 766, come gli altri dozer di 6° generazione, è dotato della funzione “ECO”, che permette una maggiore efficienza dei consumi negli impieghi meno gravosi, mentre sicuramente innovativa è la gestione proattiva della potenza, che viene incrementata automaticamente in funzione delle reali necessità.

Frutto della rilevazione dei parametri interni del motore ed esterni della macchina, garantisce potenza e trazione sempre ottimali. All’eccellente mobilità della macchina contribuisce il sistema di appoggio oscillante, che adattandosi alle asperità del terreno ne riduce l’impatto e consente movimenti più uniformi. Ciò giova alla durata delle sospensioni, dei componenti e al comfort dell’operatore.

E veniamo alla cabina. Identica a quella del PR 766 da 70 ton – quindi ampia – si fa apprezzare per l’ergonomia e la semplicità dei comandi. Se un solo joystick gestisce la conduzione del dozer, il touch screen a colori fornisce tutti i parametri necessari affinché questa sua precisa, efficiente e sicura. I dati operativi della macchina, invece, possono essere consultati via web.

TAG: Liebherr Italia | dozer PR 766 Litronic | Erzberg | movimento terra



leggi anche..