Deutz gira a pieno regime



Testo di Redazione


Anche se parliamo di motori, vi annoieremo con un po’ di numeri. Precisamente quelli relativi al fatturato di Deutz che, ca va sans dire, corre. Il terzo trimestre dell’azienda di Colonia si è chiuso con ordinativi per 370,8 milioni di euro; ovvero +43,7% rispetto il 2016. Mentre per il 2017 la cifra si attesta su 1.173,8 milioni di euro: + 25,5%. Per quanto riguarda i motori, le vendite – con 118 279 unità - nei primi nove mesi dell’anno sono salite del 17,8%. Solo nel terzo trimestre sono 38 680, con +25,9% sul 2016.

Il risultato è una vera e propria accelerazione del fatturato che ad oggi, con un +15,6%, registra 1.093,2 milioni di euro. La regione più dinamica è sempre l’EMEA (Europa, Medio Oriente. Africa) con + 18,7%; seguono le Americhe (+13,9%), mentre resta stabile l’Asia – Pacifico. Complessivamente nel terzo trimestre 2017 il fatturato ammonta a 358,7 milioni di euro, con una crescita del 19,1%.


Guardando al nostro paese, vi è da registrare un’importante operazione: la trasformazione di IML Motori in “Deutz Italia”. L’azienda brianzola, da sempre proprietà della famiglia Keller - era stata acquisita da Deutz Ag, con la quale ha un rapporto di collaborazione iniziato nel 1904; anno di nascita di IML. Da quel dì, IML Motori distribuisce sul mercato italiano motori diesel Deutz e relativi ricambi per applicazioni industriali, agricole, stazionarie e veicolari con potenze da 10 a 565 kW.

E’ in grado di personalizzarli in base ad ogni esigenza e garantisce il servizio di post vendita su tutta la penisola. Come spiega Deutz Ag, l’acquisizione rappresenta “una mossa che rafforzerà la rete di vendita e servizio in Italia"; si tratta di un’operazione con cui il costruttore tedesco “punta ad accrescere i profitti e la sua vicinanza ai clienti del Mediterraneo”.

TAG: Deutz | risultati finanziari terzo trimestre 2017 | motori | IML Motori



leggi anche..