Filtro tutto (o quasi)



Testo di Redazione


La prima presentazione della tecnologia è del 2017 e ora Bosch Rexroth è in grado di proporre il suo materiale filtrante Pure Power come standard per tutti gli elementi filtranti per impianti idraulici commercializzati dal produttore tedesco.

La nuova tecnologia consente una filtrazione particolarmente efficiente che supera di molto in termini di valori ß (secondo la norma ISO 16889) il risultato di 200 (dato per il quale si può identificare la filtrazione in profondità); i filtri sono realizzati con una particolare combinazione di setti in fibra di vetro che garantisce notevoli capacità di accumulo e altrettanto elevate percentuali di ritezione.

Tutti gli elementi filtranti Pure Power hanno anche un setto antistatico addizionale che assicura una migliore conduttività elettrica tra olio e materiale filtrante, abbattendo in questo modo i rischi di generazione di carica e scarica elettrostatiche all'interno del filtro. Queste scariche generalmente si verificano quando la conducibilità dei filtri è bassa e possono bruciare piccole quantità di olio, riducendo contestualmente la vita utile del filtro (si generano veri e propri fori negli strati del filtro).

Il nuovo Pure Power di Bosch Rexroth aumenta la capacità di accumulo delle impurità, di un valore che può raggiungere il 50%, corrispondente a un uguale aumento della vita utile del filtro; dove era necessario operare tre sostituzioni del filtro, con la nuova generazione si è in grado di ottenere una riduzione a sole due sostituzioni con conseguenti, importanti risparmi sul costo degli elementi filtranti, sul relativo smaltimento e sulla manodopera associata alla loro sostituzione.

TAG: Bosch Rexroth | filtri idraulici | Pure Power | macchine movimento terra



leggi anche..