Wacker Neuson inizia con il botto



Testo di Redazione


E' estremamente soddisgatto Cem Peksaglam (amministratore delegato, tra l'altro dimissionario, guarda la nostra news in proposito)) dei risultati del primo trimestre 2017 di Wacker Neuson e ne ha motivo: le entrate dell'azienda di Monaco sono cresciute del 7% rispetto all'anno scorso, attestandosi a 338,5 milioni di euro, con riscontri molto positivi anche sugli ordini nuovi e su quelli acquisiti (rispettivamente +11 e + 22%) che fanno ben sperare che il trend di crescita sia mantenuto su tutto il 2017.

In questo quadro generale positivo, traino è l'Europa (territori nei quali Wacker genera il 73% del suo fatturato) che sale addirittura del 9%, con a livello di nazioni la Germania e la Francia che fanno meglio di tutti. Non solo bene il movimento terra, ma anche l'agricoltura che è in ripresa sulle flessioni degli ultimi trimestri, soprattutto sui brand Weidemann e Kramer.

Anche l'America va decisamente bene, anche se qui le quote sul totale del fatturato sono minori; Wacker registra in quest'area una crescita del 13%, trainata dal segmento costruzioni classico (l'oil&gas è ancora debole).

Chi va male quindi? La regione Asia-Pacifico che registra cali pesanti, addirittura del 45%, cali che però influenzano relativamente il fatturato generale, dato che, per ora si tratta di quote ancora ridotte rispetto al venduto globale. Positivi infine (con crescite a doppia cifra) i mercati della Nuova Zelanda e dell'Australia.

TAG: Wacker Neuson | risultati finanziari primo trimestre 2017 | pale gommate | miniescavaotri



leggi anche..